Il miele è rinomatissimo per le sue proprietà antibiotiche naturali e per essere un dolcificante naturale per eccellenza.
Ultimamente però si è scoperto qualcosa in più:

il miele contrasta gli effetti negativi dei fitofarmaci usati in agricoltura.

Per chi non lo sapesse, i fitofarmaci sono dei tipi di pesticidi molto utilizzati nel l’agricoltura moderna.
Per questo ho parlato di cattive abitudini alimentari, perchè non sempre quello che possiamo trovare al supermercato o dal contadino sotto casa, equivale a cibo sano e salutare.
Come è stata scoperta questa nuova proprietà del miele?
A svelarci questa nuova proprietà del miele è un studio condotto dal Consorzio apicoltori, in collaborazione con la nutrizionista Renata Alleva.
Lo studio dimostra, dunque, che i polifenoli presenti nel miele proteggono dalle conseguenze negative dei fitofarmaci usati in agricoltura intensiva.
«Abbiamo misurato polifenoli e potere antiossidante del miele di acacia, castagno, di bosco e d’arancio; abbiamo testato il più ricco di polifenoli, quello di bosco, su cellule esposte a clorpirifos e glifosato, due pesticidi molto usati, il secondo ora molto discusso.
L’estratto di miele ha inibito la formazione di radicali liberi e attivato i sistemi di riparazione del Dna».
racconta la nutrizionista Alleva. 
Il miele di bosco è stato consumato per dieci giorni da abitanti della Val di Non, tutti residenti vicino ad aree agricole a coltivazione intensiva.
Tutti i consumatori che hanno partecipato allo studio avevano alti livelli urinari di residui di fitofarmaci e scarsa attività di riparazione del Dna.
«L’accumulo dei danni al Dna, misurabile anche quando gli agricoltori usano di meno i pesticidi, è stato osteggiato dal miele, che ha contrastato le alterazioni indotte dall’ambiente.
Il miele, in quantità adeguate, è un dolcificante naturale che può avere quindi un effetto salutare».
miele
Insomma il miele è stato in grado di riparare il DNA danneggiato da pesanti dosi di pesticidi.
Ecco un motivo in più per degustare del buon miele.

Mangiare il miele basta ad allontanare i rischi dell’esposizione ai pesticidi?

La cosa migliore che si potrebbe fare è quella di evitare del tutto il contatto con i pesticidi.
Anche se il miele aiuta, i pesticidi sono un grandissimo problema per la salute. 
Sono la causa di moltissime patologie gravi, come il morbo di Parkinson, l’Alzheimer, tumori e malattie del sangue e nel peggiore dei casi possono portare anche alla morte.
Perché sono così pericolosi?
 
I pesticidi sono invisibili, trasportati dall’aria e dal vento possono finire ovunque: sui nostri vestiti, sulla pelle, sui capelli, ma la cosa peggiore è che finiscono nel nostro cibo.
A volte finiscono nel cibo intenzionalmente, come fanno le coltivazioni industriali che ci propongono poi nei supermercati tutta verdura e frutta contaminata.
Proprio per questo motivo è giusto cambiare il nostro stile di vita, incominciando a volerci bene, mangiando meglio.
Noi siamo quello che mangiamo.
Spiegando più nel dettaglio, bisogna stare attenti al semplice gesto di fare la spesa, bisogna conoscere i propri produttori di frutta e verdura, il proprio macellaio, il proprio panettiere e via dicendo.
Ma non conoscere loro come persone, ma conoscere la loro azienda e la loro filosofia, per poter avere la garanzia di poter mangiare solo cibo sano, privo di sostanze inquinanti per l’organismo.
E’ questo che MAIVO vuole trasmettere, una nuova consapevolezza alimentare, per questo noi garantiamo solo alimenti prodotti naturalmente, e seguendo un agricoltura PRO natura.
Vogliamoci bene e mangiamo meglio.